SEO per E-commerce (seconda parte)

484

Costruisci la tua architettura del sito secondo “Best Practices”

Quando i motori di ricerca sono pronti a studiare il contenuto del tuo sito – le pagine, le reali ossa del tuo sito web stesso – devono essere facili da comprendere per un algoritmo. Ciò significa che i motori di ricerca più semplici possono attraversare e comprendere le tue pagine, più è facile per l’utente (il tuo cliente). Ovviamente, ciò si tradurrà in possibilità di posizionarsi meglio.

Puoi assicurarti che siano in grado di eseguire facilmente la scansione del tuo sito di e-commerce implementando la migliore struttura del sito. Le pagine dei tuoi prodotti sono un ottimo punto di partenza per valutare la tua architettura del sito. 

Le prestazioni di un e-commerce per cellulari influiscono in modo ASSOLUTO sul posizionamento

La richiesta di un sito di caricamento rapido è molto più elevata, ma lo è ancora di più la richiesta di un sito ottimizzato per dispositivi mobili in rapido caricamento. Gli utenti sono alla ricerca di informazioni restituite rapidamente e lo stanno facendo dai loro smartphone.

Non c’è da meravigliarsi che Google stia spingendo sempre più forte verso la facilità di utilizzo dei dispositivi mobili negli aggiornamenti degli algoritmi. Mentre sempre più persone cercano informazioni sui loro telefoni, i contenuti pubblicati devono apparire in modo efficace e di facile lettura.

Se il tuo sito e-commerce è ottimizzato per i dispositivi mobili, otterrai – di fatto – un rango più elevato. Google lo ha detto a sua volta:

“A partire dal 21 aprile 2015, Ricerca Google amplierà il suo utilizzo dell’ottimizzazione per dispositivi mobili come segnale di posizionamento. Questa modifica influirà sulle ricerche su dispositivi mobili in tutte le lingue del mondo e avrà un impatto significativo sui risultati della Ricerca Google. Gli utenti troveranno più facile ottenere risultati di ricerca pertinenti e di alta qualità ottimizzati per i loro dispositivi. “

Sfortunatamente, l’ottimizzazione per i dispositivi mobili non è semplice come poche righe di codice o un semplice plugin CMS. Ricordi la conversazione sull’architettura del sito dall’alto? Lo stesso concetto vale anche qui. Il tuo sito web deve avere l’architettura mobile corretta in atto affinché il tuo contenuto appaia correttamente ai motori di ricerca e agli utenti.

Ad esempio, uno dei principali consigli di Google è quello di “evitare di frustrare” l’utente mobile. Bene, questo è vago. Ma quello che vogliono dire è che dovresti avere a disposizione dei sistemi all’interno del tuo codice per impedire a un utente mobile di avere un’esperienza di visualizzazione scarsa sul proprio telefono rispetto a ciò che vedrebbe sul proprio laptop o desktop.

Ad esempio, se sul tuo sito è presente un video incorporato che suona bene sul desktop ma non verrà caricato su dispositivi mobili perché richiede Flash, è necessario disporre di una riga di codice che fornisca un’opzione di visualizzazione alternativa se l’utente sta visitando dal cellulare. Forse invece viene mostrata un’immagine. Se il tuo visitatore vede un link video interrotto, le probabilità che rimbalzino sono alte. Non è un buon segno per Google e abbasseranno il ranking del tuo sito.

L’ottimizzazione mobile è un processo che richiede una pianificazione profonda in quanto vi sono molti fattori da considerare. Ci sono pezzi di codice che dicono a un motore di ricerca: “Ehi, questo è ciò che visualizzi sul cellulare” o “Questa pagina è ottimizzata per i dispositivi mobili”. Raggiungere ciò creerà un’esperienza utente molto più semplice (UX) e le tue possibilità di salire di grado sono molto migliori.

Come puoi rendere il tuo sito e-commerce mobile-friendly

Il primo passo per diventare mobili-friendly è avere un piano. La creazione di un’architettura per siti mobili è fondamentale per determinare quali diversi livelli della tua gerarchia richiedono media alternativi o visualizzano contenuti alternativi su dispositivi mobili.

Per iniziare, puoi testare il tuo sito per vedere come funziona sul cellulare. Google dispone di uno strumento di test ottimizzato per i dispositivi mobili in cui puoi inserire il tuo URL e verificare la sua efficacia su tutti i dispositivi mobili. Bing ha anche uno strumento di test ottimizzato per i dispositivi mobili a cui puoi accedere. Entrambi gli strumenti ti forniscono un’analisi del tuo sito e suggerimenti di aree da migliorare.

Successivamente, puoi consultare la Guida per gli sviluppatori di Google ai siti ottimizzati per dispositivi mobili che mostra come configurare il tuo sito per più dispositivi e aiutare i motori di ricerca a comprendere il tuo sito. Questa guida è un po’ più approfondita e delinea criteri importanti quando si tratta di assumere un’agenzia di sviluppo e-commerce, anche.

Come condurre un audit tecnico SEO per il tuo sito e-commerce

A me piace sempre raccomandare che un e-commerce effettui un audit tecnico SEO ogni due anni. Poiché i criteri di posizionamento nei motori di ricerca sono in costante evoluzione, 2 anni sono il tempo minimo che riteniamo necessario per rivisitare la tua strategia.

Una lista di controllo tecnico SEO per i gli e-commerce

La conduzione di un controllo è un processo lungo e può essere fatto completando i passaggi sottostanti che sono delineati in questo elenco completo di e-commerce seo:

  • Controlla le pagine indicizzate
  • Fai un sito: cerca.
  • Quante pagine vengono restituite?
  • La homepage appare come il primo risultato?

Se la home page non viene visualizzata come primo risultato, potrebbero esserci problemi, come una penalità o un’architettura del sito pessima / collegamenti interni pessimi.

  • Controlla il numero di pagine di destinazione organiche in Google Analytics
  • Questo corrisponde al numero di risultati in un sito: ricerca?
  • Questa è spesso la migliore vista di quante pagine sono nell’indice di un motore di ricerca che i motori di ricerca trovano di valore.
  • Cerca i termini del brand legate a keywords
  • La pagina iniziale è visualizzata in alto o vengono mostrate le pagine corrette?
  • Se le pagine corrette non vengono visualizzate come primo risultato, potrebbero esserci problemi, come una penalità.
  • Controlla la cache di Google per le pagine chiave
  • Il contenuto viene visualizzato?
  • Sono presenti collegamenti di navigazione?
  • Ci sono collegamenti che non sono visibili sul sito?

Esegui una ricerca mobile per il tuo brand e le pagine di destinazione principali

  • La tua scheda ha l’etichetta “mobile friendly”?
  • Le tue pagine di destinazione sono ottimizzate per i dispositivi mobili?

Se la risposta è no a nessuno di questi, potrebbe costarti visite organiche.

Ottimizzazione in-page

I tag titol sono ottimizzati.

I tag titol dovrebbero essere ottimizzati e unici.

Il tuo nome dovrebbe essere incluso nel tag titol per migliorare le percentuali di clic.

I tag titol sono di circa 55-60 caratteri (512 pixel) per essere visualizzati completamente.

Le pagine importanti hanno titoli ottimizzati per la percentuale di clic e meta descrizioni

Ciò contribuirà a migliorare il tuo traffico organico indipendentemente dai tuoi posizionamenti.

Controlla le pagine mancanti di tag titol e meta descrizioni

  • Il contenuto in-Home-page ha la parola chiave primaria, le varianti e le frasi di parole chiave alternative
  • C’è una quantità significativa di contenuti ottimizzati e unici sulle pagine chiave
  • La frase chiave principale è contenuta nel tag H1
  • I nomi dei file e il testo alternativo delle immagini sono ottimizzati per includere la frase chiave principale
  • Le URL sono descrittive e ottimizzate
  • Sebbene sia utile includere la frase di parole chiave negli URL, la modifica delle URL può avere un impatto negativo sul traffico quando si esegue un 301. Si consiglia di ottimizzare le URL quando quelle attuali sono veramente fatte male o quando non è necessario modificare le URL con collegamenti esterni già esistenti.
  • Pulisci le URL
  • Nessun parametro eccessivo o ID di sessione.
  • Le URL esposte ai motori di ricerca dovrebbero essere statiche.
  • URL brevi:115 caratteri o più brevi – questo limite di caratteri non è impostato in pietra, ma le URL più brevi sono migliori per l’usabilità.
  • Il contenuto della home page è ottimizzato
  • La homepage ha almeno un paragrafo?
  • Ci deve essere abbastanza contenuto nella pagina per dare ai motori di ricerca una comprensione di cosa tratta una pagina. In genere è consigliabile avere almeno 150 parole.
  • Le pagine di destinazione sono ottimizzate
  • Queste pagine hanno almeno alcuni paragrafi di contenuto? È sufficiente dare ai motori di ricerca una comprensione di cosa tratta la pagina?
  • È un testo modello o è completamente unico?
  • Il sito contiene contenuti reali e sostanziali
  • C’è un contenuto reale sul sito o il “contenuto” è semplicemente un elenco di link?
  • Targeting corretto delle parole chiave
  • L’intento alla base della parola chiave corrisponde all’intento della pagina di destinazione?
  • Esistono pagine con termini di parole chiave, coda media e parole chiave a coda lunga?
  • Parola chiave cannibalizzazione
  • Fai un sito: cerca su Google parole chiave importanti.
  • Controlla i contenuti duplicati / titoli delle pagine usando uno strumento come Moz Pro Crawl Test.
  • Contenuto per aiutare gli utenti a convertire esiste ed è facilmente accessibile
  • Oltre ai contenuti del motore di ricerca, dovrebbe esserci del contenuto per aiutare gli utenti a conoscere il prodotto o il servizio.
  • Formattazione del contenuto
  • Il contenuto è formattato bene e facile da leggere rapidamente?
  • Sono usati i tag H?
  • Le immagini sono usate?
  • Il testo è suddiviso in paragrafi facili da leggere?
  • Buoni titoli sui post del blog
  • Le buone notizie vanno molto lontano. Assicurati che i titoli siano ben scritti e attirino utenti.
  • Quantità di contenuti rispetto agli annunci
  • Dall’implementazione di Panda, la quantità di spazio pubblicitario su una pagina è diventata importante da valutare.
  • Assicurati che vi siano contenuti unici significativi above the fold.
  • Se hai più annunci di contenuti unici, probabilmente avrai un problema.
  • Contenuto duplicato
  • Ci dovrebbe essere un URL per ogni pezzo di contenuto
  • Le URL includono parametri o codice di tracciamento? Ciò comporterà più URL per un contenuto.
  • Lo stesso contenuto risiede su URL completamente diversi? Questo è spesso dovuto a prodotti / contenuti replicati in diverse categorie.
  • Effettua una ricerca per verificare la presenza di contenuti duplicati
  • Prendi uno snippet di contenuto, inseriscilo tra virgolette e cercalo.
  • Il contenuto viene visualizzato altrove nel dominio?
  • È stato copiato? Se il contenuto è stato copiato, dovresti presentare una richiesta di rimozione di contenuti con Google.
  • Contenuto duplicato sottodominio
  • Lo stesso contenuto esiste su diversi sottodomini?
  • Controlla la versione sicura del sito
  • Il contenuto esiste su una versione sicura del sito?
  • Controlla altri siti di proprietà dell’azienda
  • Il contenuto è replicato su altri domini di proprietà dell’azienda?
  • Controlla le pagine di “stampa”
  • Se ci sono versioni “stampabili” di pagine, potrebbero causare contenuti duplicati.
  • Accessibilità e indicizzazione
  • Controlla il file robots.txt
  • L’intero sito o il contenuto importante sono stati bloccati? L’equity link è orfana a causa del blocco delle pagine tramite il file robots.txt?
  • Disattiva JavaScript, cookie e CSS
  • Utilizzare la barra degli strumenti di sviluppo Web
  • Il contenuto è lì?
  • I collegamenti di navigazione funzionano?
  • Ora cambia il tuo agente utente in Googlebot
  • Utilizzare il componente aggiuntivo Agente utente
  • Fanno cloaking?
  • Sembra lo stesso di prima?
  • Le sitemap XML sono elencate nel file robots.txt
  • Le sitemap XML sono inviate a Google / Bing Strumenti per i Webmaster
  • Controlla le pagine per il tag noindex dei meta robot
  • Le pagine vengono accidentalmente taggate con il comando noindex dei meta robot
  • Ci sono pagine che dovrebbero avere il comando noindex applicato
  • Le pagine obiettivo hanno applicato il comando noindex?
  • Questo è importante per impedire che le visite organiche dirette vengano visualizzate come obiettivi nell’analisi

Con questo super elenco ti ho dato il mindset principale di come dovreste affrontare un audit su un e-commerce di medie e grosse dimensioni, ma a livello tecnico esistono ancora delle altre problematiche in particolare fai sempre attenzione alle duplicazioni e come gestirle  attraverso il corretto uso del tag Canonical, la geotargettizzazione, tema molto caldo in tema e-commerce e per concludere ricorda sempre come gestire la paginazione.