Perché integrare Telegram nella tua strategia di blogging

275

Una strategia di blogging davvero efficace deve prevedere diverse fonti di acquisizione traffico e diffusione dei contenuti, perché, come direbbe il sommo Totò, è la somma che fa il totale. 

Oltre ai soliti social network, come Facebook o Instagram, e ad una attenta attività di email marketing, ti consiglio di integrare Telegram nella tua strategia di blogging. 

Se non lo sai, Telegram è un servizio di messaggistica istantanea, simile per certi versi a WhatsApp, ma più evoluto, con funzioni particolarmente adatte alla diffusione dei contenuti del tuo blog. 

Vediamo insieme 5 ragioni che dovrebbero spingerti a sfruttarlo per il tuo progetto di blogging. 

1. Puoi creare un canale Telegram

La prima mossa è creare un canale Telegram, una sorta di chat univoca (quindi solo tu puoi inviare messaggi) alla quale è possibile iscriversi per fruire dei contenuti in essa veicolati. 

Creare un canale Telegram è facilissimo, devi aprire l’app – ti consiglio di installarla anche nella versione Desktop sul tuo pc – e cliccare su “Nuovo Canale”. 

Cliccando ti si aprirà il seguente pop up, nel quale inserire il nome del canale, un’immagine di profilo e una descrizione. 

Nelle impostazioni del canale potrai decidere se renderlo pubblico o privato, creando un link personalizzato da utilizzare per invitare gli utenti ad iscriversi. 

Perché creare un canale per il tuo blog? 

  • Per presenziare un’altra piattaforma, potenzialmente utile per il tuo progetto; 
  • Per veicolare i tuoi contenuti direttamente a utenti che hanno manifestato interesse nei confronti del tuo blog;
  • Per inviare messaggi ai tuoi iscritti;
  • Per creare contenuti dedicati, dei quali gli utenti potranno fruire solo iscrivendosi al canale. Un esempio eccellente è il canale di Giacomo Lucarini “Web Social e Cultura”, nel quale condivide podcast ogni giorno;
  • Sfruttare varie funzioni di Telegram, ad esempio l’integrazione con i bot, per creare sondaggi, registrare feedback, e instaurare una comunicazione più attiva con gli utenti.

Ci sono migliaia di canali attivi su Telegram, alcuni anche molto interessanti, da seguire senza se e senza ma. 

2. Puoi utilizzare Telegram come Smart Newsletter 

L’email marketing funziona molto nel blogging, soprattutto in alcuni settori, ma ha un limite: l’utente medio non controlla l’email più volte al giorno. 

Sui social, invece, l’approccio è diverso, così come il tempo di permanenza. 

Ecco perché puoi sfruttare il tuo canale Telegram come se fosse una newsletter smart, con la quale raggiungere gli iscritti direttamente in tasca, nello smartphone. 

Invitando gli utenti ad attivare le notifiche al canale, potrai aumentare il tasso di apertura e di lettura del contenuto, utilizzando un’app che, magari, apriranno comunque per altre ragioni. 

3. Puoi creare una community del tuo blog

Per un blogger costruire una community è importantissimo, avere uno zoccolo duro di lettori affezionati aumenta la reputazione del progetto e allarga l’eco e la potenza di fuoco che potresti raggiungere da solo. 

Una community, però, ha bisogno di interagire e sentirsi importante, ecco perché uno strumento come il canale non è sufficiente. 

In questo caso, è preferibile creare un gruppo, una chat di gruppo evoluta nella quale interagire e chiacchierare con i propri follower. 

In realtà, sarebbe preferibile creare un cosiddetto “Supergruppo”, ovvero un gruppo con funzionalità aggiuntive, perfetto per una community ampia e viva. 

Puoi creare un link di invito (personalizzato, nel caso del Supergruppo), nominare degli amministratori, aggiungere o rimuovere membri, sfruttare gli hashtag per creare dei filtri tematici, e molto altro. 

Insomma, uno strumento straordinario per restare sempre in contatto con i tuoi lettori. 

4. Puoi sfruttare Telegra.ph

Telegram ha creato, in collaborazione con Medium, una piattaforma completamente gratuita per creare articoli in stile blog, chiamata Telegra.ph. 

Questi contenuti, dotati di una url univoca, possono essere condivisi in Telegram ed essere aperti all’interno dell’app, in maniera istantanea, un po’ come accade su Facebook con gli Instant Articles. 

In poche parole, potresti condividere con gli iscritti al tuo canale o con i membri del tuo gruppo Telegram dei contenuti pensati solo per essere fruiti all’interno dell’app, in modo semplice e immediato. 

5. Puoi veicolare i tuoi contenuti gratuitamente in modo efficace

I social network da presidiare per la tua attività di blogging sono tutti gratuiti, ma per veicolare i tuoi contenuti in modo efficace è spesso necessario un investimento in ads, seppur minimo. 

Con Telegram puoi evitare questo limite, perché il sistema di notifiche e la natura stessa di gruppo e Canale consentono di inviare i tuoi articoli del blog a utenti perfettamente in target, e interessanti a riceverli. 

Anzi, possiamo dire che sono lì per quello. 

Essendo un’app meno inflazionata rispetto alle altre, viene utilizzata (quasi sempre) con maggiore consapevolezza, e con l’obiettivo principale di seguire canali e gruppi interessanti, e non per inviare i messaggi ad amici, parenti e partner. 

Se sfrutti bene il tuo canale ed il tuo supergruppo, tenendoli vivi e vivaci, potrai godere dei vantaggi che una community attiva porta ad una strategia di blogging. 

Conclusioni

Come vedi, Telegram può davvero integrare la tua strategia di blogging, portandola ad un livello superiore. 

Come sempre, ci vuole impegno e lavoro costante, ma può davvero fare la differenza. 

Provalo, e fammi sapere cosa ne pensi.