Web Marketing di ospedali e cliniche: qual è lo stato di salute?

1369
Web marketing cliniche private

In America, ospedali e cliniche investono sempre di più nella realizzazione e nella condivisione online di contenuti di qualità

Le organizzazioni sanitarie sono relativamente lente ad approcciare il mercato digitale, ma recenti studi rivelano che ospedali e cliniche d’oltreoceano stanno facendo notevoli investimenti nel marketing dei contenuti.

Prima di tutto: obiezioni da affrontare

Dubbi e perplessità iniziali da parte delle organizzazioni non sono mancate, principalmente per paura di complicazioni derivanti dalla raccolta dei dati dei pazienti senza violare la loro privacy. Ma i dati sono indispensabili per dare vita a una content strategy di successo.

Il content marketing: una grande priorità

In un sondaggio di True North Custom sono stati intervistati cento dipendenti di cliniche e ospedali americani, 85 del reparto marketing e 15 dirigenti di altri reparti.

Circa metà degli intervistati sostiene che i contenuti sono una grande priorità per la loro struttura, mentre il 17% vede i contenuti online come una componente essenziale delle proprie attività di marketing.

Tra gli obiettivi principali la brand awareness (84%), la fidelizzazione dei pazienti (77%), il coinvolgimento online dei pazienti (63%) e l’acquisizione di nuovi pazienti (58%).

L’efficacia dei contenuti è fondamentale

È importante che le organizzazioni siano sempre informate sui comportamenti e sulle preferenze dei pazienti in modo da creare e personalizzare contenuti ad hoc per rispondere alle loro esigenze.

Il 55% degli intervistati ha detto che conoscere meglio il pubblico è una delle priorità di marketing su cui sta già lavorando, mentre il 32% prevede di occuparsene entro i prossimi 12 mesi.

Creare contenuti di alta qualità per coinvolgere maggiormente il pubblico è una priorità per il 63% degli ospedali, insieme alla creazione di contenuti visivi (67%).

Il freno della privacy nella condivisione di contenuti

I partecipanti al sondaggio hanno invece avuto opinioni contrastanti sulla condivisione di contenuti creati da follower e pazienti: il 27% ha detto che ci stava lavorando, mentre il 20% ha detto che non li considerava importanti e il 17% che non sapeva come rispondere. La divisione è probabilmente legata a qualche preoccupazione in merito alla privacy dei pazienti.

Un investimento in crescita

La dimostrazione della sempre maggiore importanza del content marketing nel marketing sanitario è in queste ultime cifre: quasi due terzi (73%) degli ospedali e delle cliniche americane già investe in attività di questo tipo, mentre il 19% ha progettato di iniziare a svolgerle entro 12 mesi, per un totale del 92% di aziende sanitarie interessate. Per quanto riguarda invece l’entità degli investimenti, oltre metà (52%) degli ospedali USA ha stanziato circa il 26% del suo budget in contenuti online.

Se la tua organizzazione sanitaria è rimasta indietro, potrebbe essere ora di prendere finalmente in considerazione questa nuova frontiera digitale.