Social Media Manager di professione, 5 tool indispensabili

104

Il Social Media Manager è una di quelle professioni digitali di nuova generazione che affascina e incuriosisce. Il passatempo che si fa lavoro. È sbagliato, però, pensare che sia un’attività semplice e che non richieda impegno. Al contrario, è un impiego che necessita di studio e continuo aggiornamento. Soprattutto, serve padroneggiare al meglio gli attrezzi del mestiere. Ecco 5 tool che non possono assolutamente mancare nel bagaglio di un social media manager.

Intuizione, creatività, conoscenza del pubblico e delle tendenze. Sono tutte caratteristiche essenziali nell’attività di un Social Media Manager, cioè colui che ha in mano i profili social di aziende, professionisti e influencer. Serve, però, anche molta pratica e saper utilizzare alla perfezione alcuni tool strategici, che consentono di gestire senza stress Facebook, Twitter, Instagram e qualsiasi altra piattaforma. Eccone 5 davvero imperdibili.

Hootsuite, programmazione e report per avere sempre tutto sotto controllo

Probabilmente lo strumento più conosciuto e più diffuso per la programmazione dei post social. Consente di gestire in simultanea molti account, divisi sulle varie piattaforme: Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Linkedin e Pinterest. Hootsuite consente di programmare i post completi di testo, immagini e link, e di scegliere data e orario di pubblicazione. Inoltre, permette un monitoraggio costante delle pubblicazioni e del loro andamento, nonché la creazione di report dettagliati e approfonditi.

All Hastag, trovare l’hashtag giusto per far volare i propri post

Sui social network, soprattutto Twitter e Instagram, i veri re sono gli hashtag, cioè le parole chiave, precedute dal famoso “cancelletto”. Inserire quelle giuste, all’interno di un post, può letteralmente farlo volare, garantendogli di intercettare il flusso degli argomenti più popolari. All Hashtag serve proprio a questo, a scoprire quali sono gli hashtag più utilizzati in relazione all’argomento di cui si vuole parlare.

Scopri il corso online per Social Media Manager di EIPASS

Bitly, link brevi e monitorabili

Capita spesso di intercettare sui social network post con annessi link lunghi e illeggibili. Da un punto di vista estetico non è certo una bella cosa, e sul web, è risaputo, l’apparenza conta molto. Per questo, ogni Social Media Manager sa bene che, quando si pubblica un post, è bene che il link sia breve e d’impatto. Bitly permette proprio di fare questo: accorciare url troppo lunghe. E consente anche di personalizzarle e di monitorare, in tempo reale, quante persone ci cliccano sopra.

Canva, grafiche efficaci in pochi e semplici passaggi

Su Facebook i contenuti più premiati sono quelli grafici o fotografici. Instagram è nato proprio per celebrare gli scatti più belli e significativi. Discorso analogo anche per Pinterest. La conseguenza è chiara e inevitabile: un Social Media Manager non può fare a meno di contenuti visuali. L’ideale sarebbe avere un bravo grafico a disposizione. Ma siccome non si può sempre avere tutto, è bene imparare a fare da sé. Canva è un tool online perfetto per questo scopo, con pochi passaggi permette di creare immagini accattivanti, grazie a un database ampio di foto, grafiche e font editoriali.

AdEspresso, un controllo costante sulle campagne di sponsorizzazione

Ultimo tool consigliato, ma non meno importante: AdEspresso. Uno strumento essenziale per tutti i professionisti dei social che si occupano anche di ideare, programmare e gestire le campagne a pagamento sui profili dei clienti. Grazie a questa pratica piattaforma, della stessa famiglia di Hootsuite, è possibile programmare e monitorare tutte le proprie sponsorizzate, sui diversi social e per differenti clienti. Inoltre, possono essere creati dei chiari ed efficaci report.

Scopri il corso online per Social Media Manager di EIPASS

Articolo precedenteRapporto Civita 2019, per i giovani la cultura è online
Articolo successivoVideo messaggio | Robin Good parla al Network EIPASS
Francesco Rossi
Romano di periferia, ma con un pezzo di cuore umbro (Norcia). Professionalmente nasco giornalista, con un’inspiegabile laurea in giurisprudenza. Prima carta stampata, poi radio, poi attività di ufficio stampa nel settore bancario e assicurativo. Poi il web, finalmente. E con lui il copywriting, il brand journalism e la SEO. Oggi sono un consulente per aziende, PMI e liberi professionisti. Mi occupo di ideare e implementare strategie di digital content management, con un focus specifico sul brand journalism e il SEO copywriting. Collaboro con diverse agenzie di digital marketing e lavoro per importanti realtà nazionali e internazionali di cui curo il posizionamento sui motori di ricerca.