Pannelli solari portatili, sfrutta l’energia solare anche in viaggio

1658
pannello solare

Con un impianto fotovoltaico in casa è possibile alimentare i nostri elettrodomestici quotidiani, ma se non fossimo in casa ma in viaggio, e il cellulare o il pc fossero scarichi?

Una prima soluzione sarebbe la power bank, la batteria supplementare che fornisce energia di “riserva” a Smartphone, Tablet e fotocamere. Molto comoda ma talvolta poco maneggevole per via delle dimensioni e non troppo affidabile.

La soluzione ideale per chi viaggia invece è il pannello solare portatile:dimensioni ridotte ma prestazioni che non hanno nulla da invidiare ai tradizionali impianti fotovoltaici.

Esistono diverse tipologie di pannelli solari portatili, differenti, non solo per potenza nominale e per utilizzo, ma anche per dimensioni, peso, flessibilità e mobilità nel riporlo e trasportarlo, spesso con agganci e cinghie per agganciarlo allo zaino o alla borsa.

Su kickstarter, nota piattaforma di crowdfunding, si lavora ad un progetto di impianto fotovoltaico “tascabile” in grado di fornire piena carica ad uno Smartphone in appena 4 ore.

La struttura di questa tipologia di pannello solare è flessibile, leggera e richiudibile come un astuccio. Può essere avvolto e trasportato in borsa o in valigia, senza deteriorarsi o occupare troppo spazio, ed ha una potenza in grado di risolvere ogni problema di ricarica.

Questi pannelli infatti sono spessi solo tre centimetri e possono essere ripiegati su se stessi. Quando necessario basterà aprirlo per avere una superficie in grado di produrre fino a 6 Watt di energia.

L’energia solare è diventata… tascabile!