L’uso dei Social Network nelle scuole

922
Hashtag

Non si può più pensare di fornire educazione civica senza educazione digitale

Le caratteristiche più salienti attribuibili ai social network sono indubbiamente la possibilità di dialogo tra gli utenti, la condivisione e la creatività dei contenuti. 

Tra i più famosi ed utilizzati non si può certo non far riferimento a Facebook, Twitter, Instagram, YouTube…

Nei progetti di educazione civica, all’interno delle scuole, si sente ormai spesso parlare dell’utilizzo dei Social Network in classe, malgrado la maggior parte di essi non sia stato pensato per un uso a fini didattici.

Le attività connesse all’utilizzo dei Social Network dovrebbero, come ovvio, essere svolte nella piena consapevolezza dell’ambito in cui ci si trova, conoscerne dunque le norme legali e, non sottovalutabili, le norme individuali e sociali.

Sarebbe poco utile pensare di organizzare attività di educazione civica digitale sulle capacità pratiche legate all’uso dei social – non dimentichiamo mai che abbiamo difronte dei nativi digitali che nella maggior parte dei casi avranno maggiori competenze tecniche rispetto agli adulti – bensì occorre porsi come divulgatori di educazione e cultura digitale, dispensatori di buone prassi da seguire per un uso corretto, sicuro e creativo delle piattaforme social.

Perché non pensare di far gestire ad un gruppo di studenti, seguiti da un supervisore più esperto, la pagina istituzionale della loro scuola, ad esempio? Potrebbero essere loro stessi a redigere un vademecum sulle norme legali e stilistiche da rispettare per pubblicare contenuti inerenti le attività della scuola, i progetti e così via…

Diviene fondamentale, anche per gli educatori scolastici dunque, fornire le basi per sfruttare appieno i diversi stili comunicativi dei social più in voga e far comprendere i punti più salienti per un corretto dialogo e condivisione di informazioni e contenuti su tali piattaforme.