Il web evita il caro-scuola

1041

I costi del materiale scolastico registrano un aumento dello 0,8% rispetto al 2017

Il rientro a scuola comporta il dover fare i conti con una spesa impegnativa: i libri di testo e il corredo scolastico (zaini, quaderni, diari, astucci, penne, matite e tanto altro). Le famiglie sono spaventate dall’aumento prezzi che si registra di anno in anno.

Secondo il monitoraggio effettuato dall’O.N.F. (Osservatorio Nazionale Federconsumatori) i costi del materiale scolastico quest’anno registrano un aumento medio dello 0,8% rispetto al 2017.

È possibile evitare il problema? Le soluzioni più frequenti sono: il mercato del libro usato e l’acquisto del testo nuovo on line.  

Il web sta diventando il consueto strumento utilizzato per risparmiare. È necessario ricercare i giusti siti, filtrare la ricerca in base al ciclo di studio (scuola elementare, media e superiore) e per categorie specifiche. Tramite Amazon il risparmio medio si attesta sul 15% del prezzo di listino. A livello nazionale, secondo un’indagine realizzata da Doxa dell’Osservatorio Findomestic, la spesa per la didattica a carico delle famiglie ammonta a 611 euro circa a persona. La spesa maggiore è per libri e dizionari, seguiti dalla cancelleria e, infine, anche dai trasporti.

Per capire da quali portali acquistare, possono essere utili i siti di comparazione dei prezzi. Ad esempio, una piattaforma di questo tipo è Idealo, che analizza i prezzi di ogni categoria di materiale e ne stima il prezzo medio.

Non ci resta che augurare un buon anno scolastico da poco iniziato a tutti i ragazzi e una spesa oculata a voi genitori!