Le false truffe creano panico fra gli utenti e inducono al pagamento di una somma di denaro

La Polizia Postale sulla pagina Facebook istituzionale “Commissariato di PS On Line – Italia” segnala l’allerta truffa attraverso email che ci informano sull’avvenuta presa di controllo del nostro dispositivo da parte di un gruppo internazionale del cybercrimine.

L’account verrebbe hackerato dopo aver visitato siti per adulti. Il ricatto è quello di divulgare a tutti il tipo di siti visitati, con la conseguente richiesta di denaro in criptovaluta.

Tutto ciò non è reale: è una vera e propria invenzione dell’autore del reato, elaborata con lo scopo di creare panico ed indurre a pagare la somma illecita.

Non è possibile, infatti, che accedendo abusivamente nella casella di posta elettronica si possa installare un virus che monitori il nostro dispositivo attivando webcam o impossessandosi dei nostri dati.

In caso di ricezione di questi messaggi bisogna: mantenere la calma, non pagare alcun riscatto, proteggere l’email impostando password complesse, associare all’inserimento della password un codice di sicurezza, ma soprattutto ricordare che la vera trasmissione di virus informatici capaci di controllare i nostri dispositivi può avvenire solo se i criminali informatici abbiano avuto concreto contatto e disponibilità dei dispositivi stessi.

Seguite questi consigli e non disperate!